Regali Fatti in Casa 1: i baci perugini

…lo so, ho camuffato così bene il nome che non ci sareste mai arrivati senza foto. Sono una maestra nel non fare pubblicità occulta e nel camuffamento. Sono così brava che durante la vacanza a Madrid prima di partire avevo comprato al mio ragazzo una torta – di quelle confezionate per intenderci, dato che il suo compleanno cadeva otto giorni dopo – ed ero riuscita a nasconderla in valigia insieme alle candeline e a un accendino. Arriva la sera del compleanno e al ritorno in camera tutta felice mi nascondo nell’anticamera del bagno con la torta le candeline e l’accendino. Apro anche l’acqua per camuffare i rumore della carta strappata. Metto le candeline sulla torta – ovviamente no, non avevo preso i due comodissimi numeri, mi era sembrata un’idea grandiosa fargli spegnere 27 candeline che dovevo far stare in equilibrio su una torta non collaborativa – e vado di accendino…niente. Avevo preso un accendino farlocco. Avevo la torta, le candeline, ma niente con cui accenderle. Giuro, quasi mi mettevo a piangere. Sono uscita dall’anti-bagno con questa torta in equilibrio ed una faccia tristissima …neanche Mirco che da super fidanzato faceva finta di spegnere un milione di candeline risollevava. Che poteva fare? Ha preso l’accendino e ha provato a farlo funzionare smanettando con la rotella…ci stava riuscendo! Alzo lo sguardo al soffitto tutta felice…è stato un attimo. Ho fatto una specie di verso strozzato.

“Tesoro sono rilevatori di fumo quelli?”

“E quelli sono irrigatori automatici anti-incendio?”

“E sono in tutta la camera?”

Ok, ora immaginatevi se il mio accendino non era farlocco: immaginate me e Mirco completamente zuppi con la torta in mano, gli addetti alla sicurezza che evacuano l’hotel, i pompieri che arrivano e io che gli dico: “volevo solo fargli spegnere le candeline…”.

 

Detto questo, le mie prove pre-natalizie di regali fatti in casa hanno avuto inizio e questa ricetta è stata ampiamente promossa: baci perugina buoni più degli originali, supercarinissimi e senza latte e derivati. Assomigliano molto a quelli “veri” ma hanno una consistenza leggermente più soda per via del burro di cacao che ho sostituito al burro da latte. Se non l’avete o non vi interessa che siano senza lattosio potete benissimo usare del burro normale!

Baci Perugina senza latte e nutella

 

BACI PERUGINI

ideali da regalare e da mangiare

Ingredienti per circa 50 pezzi:

  • 200 gr di cioccolato al 54% (un fondente leggero insomma, potete usare anche cioccolato al latte)
  • 130 gr di farina di nocciole
  • 45-50 nocciole tostato
  • 125 gr di zucchero a velo
  • 130 gr di granella di nocciole
  • 100 gr di burro di cacao (se non l’avete potete usare un altro tipo di burro o al limite della nutella)
  • 100 gr di pasta di nocciole (se non l’avete potete usare nutella o simili)
  • 350 gr di cioccolato per la copertura (io ho usato fondente, può andare bene un altro tipo)

Sciogliete i 200 gr di cioccolato con il burro di cacao e la pasta di nocciole, unite la farina di nocciole, la granella ed infine lo zucchero a velo. Lasciate freddare venti minuti in frigorifero e fate delle palline compattando bene, le mie pesavano 13 gr. Mettete una nocciola su ogni pallina e rimettete in frigorifero per una mezz’ora. Sciogliete i 350 gr di cioccolato e immergete ogni bacio, lasciate asciugare a temperatura ambiente per un’oretta. Conservate in una scatola ermetica per 15-20 giorni se avete usato il burro di cacao o la nutella, una settimana se avete usato un altro burro. Potete confezionarli con della carta argentata o metterli in una scatola o un sacchetto :)

baci perugina senza latte e nutella

Con amore,

Benedetta

3 pensieri su “Regali Fatti in Casa 1: i baci perugini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.