Vov agli agrumi…e c’è sempre il sole!

Conversazioni Benedetta-Fratello degli ultimi giorni.

ESTRATTO 1

B: <<Manuuuu, mi è arrivata la raccomandata! Pare che mi assumeranno sul serio stavolta!>>

F: <<Condoglianze.>>

 

ESTRATTO 2

F: <<Chettefrega che ti metti, mica devi andare a ballare>>

B: <<Vabbè una cerca di fare buona impressione, dovrò passare quaranta anni con quelle persone è quasi…>>

F: <<…la GALERA.>>

B: <<Stavo per dire un matrimonio…>

F: <<...stessa cosa…>>

 

Insomma, è bello poter contare sul supporto della famiglia. In casa mia c’è sempre il sole, sul serio. ^_^

A proposito di sole, ecco un liquore dai colori sgargianti e dal sapore allegro, da sorseggiare fresco di frigo per chiudere il pasto o leggermente scaldato con due o tre biscotti. Ripensandoci, i biscotti sono sempre una buona opzione. Trovate la versione alla vaniglia QUI.

 

VOV AGLI AGRUMI

si scrive vov…si legge wow!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per una bottiglia da 1 litro:

  • 6 tuorli (io ho usato quelli già pastorizzati)
  • 350 ml di latte intero
  • 300 gr di zucchero
  • 80 gr di alcool alimentare
  • 80 gr di marsala secco – o al limite brandy
  • succo e scorza di un limone
  • succo e scorza di un’arancia
  • succo e scorza di un pompelmo

– Se trovate solo il succo in brick andrà bene lo stesso, non voglio farvi impazzire per trovare un pompelmo fuori stagione. –

Fate bollire il latte con i succhi la scorza e lo zucchero e lasciate raffreddare. Intanto montate i tuorli finché non li vedrete spumosi; quando il composto di latte sarà freddo unite i tuorli sempre mescolando ed infine  aggiungete l’alcool con il marsala. Imbottigliate e conservate al fresco fino a 6 mesi.

Nota: se non trovate i tuorli pastorizzati potete fare così, è un po’ più lungo ma meglio prevenire : fate bollire il latte con succhi scorza e zucchero e portate il tutto a 121°, all’incirca 5 minuti a fuoco moderato dopo il bollore, versate il composto sui tuorli e sbattete bene finché non si raffredderanno. Unite il marsala e infine l’alcool.

 

Con amore,

Benedetta

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.